Corriere della Campania

Avellino stratosferico! La Salernitana cade a Trapani

Dopo lo spettacolare anticipo del venerdì sera, purtroppo amaramente perdente per il Benevento, scendono in campo l’Avellino e la Salernitana. Gli uomini di Novellino, in un ottimo momento, ospitano il Vicenza in una sfida che vede i lupi favoriti. I granata volano a Trapani a caccia di punti fondamentali.

Articoli correlati

Avellino – Vicenza 3 – 2
Dopo una prima fase di studio sono gli ospiti a sfiorare la rete al 22′ con Esposito, ma Radunovic blocca in presa bassa senza difficoltà. Ma appena sei minuti dopo i padroni di casa passano in vantaggio: Ardemagni controlla e serve Lasik che prolunga per D’Angelo, il tiro dell’esterno entra in rete dopo aver toccato la traversa.
I padroni di casa giocano meglio e dieci minuti dopo trovano anche il raddoppio. Verde serve con un grande assist  D’Angelo che batte per la seconda volta Benussi.
L’Avellino controlla in scioltezza e conduce la gara al riposo sul doppio vantaggio. Nella ripresa pronti via e i lupi chiudono definitivamente la contesa: Doumbia perde palla e Ardemagni può involarsi a rete e battere a rete.
La gara diviene fallosa e molto spezzettata, nel frattempo piove sul bagnato per il Vicenza che perde l’estremo difensore Benussi per infortunio. Poche le emozioni sino al 65′, quando con un lampo di destro Bellomo non lascia scampo a Radunovic e accorcia le distanze per gli ospiti.
La pioggia rende il terreno pesante e la gara avara di spettacolo, ma al 70′ i lupi sfiorano il poker ancora con D’Angelo, ma per il bomber di giornata arriva solo la traversa. Dieci minuti dopo Bellomo tenta ancora di riaprire la gara con un lampo tutto personale, ma stavolta Radunovic si salva. Finale con il Vicenza alla ricerca del gol che possa accorciare le distanze. Al 87′ Giacomelli trova ancora un Radunovic insuperabile, anche da distanza ravvicinata.
Vittoria bella ed importante per i ludi di Novellino, che sembra aver segnato una svolta reale nella stagione avellinese. Con il tecnico di natali irpini i lupi sono balzati dalle ultimissime posizioni a meno tre punti dalla zona playoff e addirittura a meno cinque dal quinta posizione.

Trapani – Salernitana 1 -0 
Dopo un inizio poco bello e ricco di errori da ambo le parti è la Salernitana a sfiorare il vantaggio al 18′. Coda alza la testa e improvvisamente effettua un tiro potente e preciso che Pigliacelli devia in angolo. Cinque minuti dopo i padroni di casa replicano all’occasione ospite: Manconi ruba palla a Schiavi e conclude in porta, Gomis abbassa la saracinesca e nega la rete. I sicialiani prendono in mano le redini del gioco e poco dopo sfiorano la rete in altre due occasioni: al 27′ Gomis deve superarsi per disinnescare la punizione diretta di Barillà, due minuti dopo Jallow manda di pochissimo fuori. Cinque minuti prima del riposo i padroni di casa trovano il meritato vantaggio: Barillà cerca la verticalizzazione aerea e trova Maracchi che insacca il vantaggio.
La Salernitana dopo lo schiaffo finalmente si sveglia, con Donnarumma che chiama all’intervento decisivo l’estremo difensore siciliano.
La prima frazione termina dopo molte emozioni e con un Trapani meritatamente in vantaggio. Proprio i padroni di casa ripartono fortissimo e già due minuti dopo il rientro in campo Jallow chiama Gomis all’ennesimo intervento decisivo. A questo punto la gara rallenta, con gli ospiti che non riescono a ripartire e ad essere pericolosi. L’unico squillo ospite arriva al 68′ su un errore del portiere di casa, ma lo stesso salva in angolo dopo un’uscita sbilenca. Il Trapani si limita così a gestire e a ripartire, soprattutto con uno scatenato Manconi capace di mettere in serio pericolo la difesa ospite.
La gara termina sul’ 1 – 0 per i padroni di casa, risultato che sta anche stretto ad un Trapani che ha messo a nudo i difetti di una Salernitana in un periodo non felice, incapace di rialzare le sorti di una stagione che appare oramai di un’anonima centroclassifica.

I commenti sono chiusi.