Corriere della Campania

B-Campania: I Lupi mangiano le Rondinelle, il Benevento cede il terzo posto alla SPAL

La Serie B torna dopo il break post natalizio, con l’Avellino e il Benevento subito in campo oggi. I lupi vanno ospiti in quel di Brescia. Una trasferta difficile, ma non impossibile, per guadagnare punti in chiave salvezza. Il Benevento scende in campo nel big match di giornata, i giallorossi vanno in campo a Ferrara contro la Spal per giocarsi il terzo posto in classifica, le due squadre soni infatti appaiate a 27 punti dietro Verona e Frosinone

Articoli correlati

Spal – Benevento 2 – 0
Gli ospiti se la giocano e non scendono in campo intimoriti dal valore della gara, ma sembra mancare la giusta concentrazione e alcune gravi distrazioni nella retroguardia fanno si che le migliori occasioni del primo tempo siano della Spal. I ferraresi con Giani, Finotto e Del Grosso vanno vicini al gol con tre occasioni clamorose tra il 20′ e la mezz’ora. Per il Benevento bisogna aspettare il 35′ con la conclusione di Eramo. Nel finale la Spal legittima il maggior numero di occasioni create trovando il vantaggio con Vicari al 44′. Il centrale ferrarese gira alle spalle di Cragno la perfetta pennellata in mezzo di Schiattarella da angolo.
Nella ripresa le squadre si allungano, il Benevento cerca il pari e la Spal tenta di sfruttare gli spazzi in contropiede. La gara diventa così bellissima. Subito in apertura Finotto si divora il raddoppio. Cragno è decisivo e lo sarà ancora. Poi dopo un tentativo non riuscito di Cissè sale in cattedra Lazzarri. Il centrocampista della Spal prima ci prova personalmente, poi tenta di ispirare Mora. Nell’ultimo quarto di gara sono le punte a divenire protagoniste. Occasioni ghiotte capitano tanto a Floccari per la Spal quanto a Cissè e Ceravolo per il Benevento, ma nessuno riesce a trovare il colpo decisivo. Nel finale ancora Eramo, come nel primo tempo, cerco di riportare la parità. Ma al 90 è il neoarrivato Floccari a chiudere i giochi. L’ex Sassuolo gira di testa in rete un calcio di punizione, una rete in fotocopia a quella della prima metà di gara. Nel finale Cissè ci prova ancora, ma a nulla serve. La Spal vince 2 – 0 una gara importantissima e vola al terzo posto, al Benevento è forse mancata la giusta cattiveria e concentrazione, inoltre pesa l’assenza di Ciciretti e la partenza di Ceravolo dalla panchina.

Brescia – Avellino 0 – 2
Gli ospiti partono fortissimo con una buona occasione di Verde in apertura di gara. Al 13′ arriva subito il vantaggio con Ardemagni. Il centravanti dei lupi gira in rete un perfetto assist di Gonzalez. Gli ospiti si limitano a controllare e nessuna delle due squadre riesce a trovare altri varchi. I padroni di casa si fanno vedere solo dopo la mezz’ora con una pericolosissima doppia occasione, ma non trovando il pari. Al 32′ Torregrossa manda alto, due minuti dopo Coly centra la traversa. Al 40′ risponde Djimsiti, ma anche lui manda fuori. La prima frazione si chiude così con il vantaggio ospite.
Ad inizio ripresa le rondinella partono con l’acceleratore schiacciato in cerca del pari. Carocciolo e Coly ci provano creando almeno tre occasioni clamorose, ma Radunovic, l’intera retroguardia ospite e la sorte si oppongono alle loro conclusione. Al 64′ ennesima svolta positiva per gli ospiti: Calabresi si becca il secondo giallo e viene mandato anzi tempo sotto la doccia, Brescia in dieci uomini. Pochi minuti dopo Verde va vicino al raddoppio, prima occasione avellinese della ripresa. Poi nell’ultimo quarto d’ora i lupi si limitano a controllare in scioltezza, grazia alla superiorità numerica. Nel finale arriva anche il colpo del K.O. Ancora Ardemagni trova la rete, approfittando in contropiede del perfetto lancio di D’Angelo.
Inizio d’anno spettacolare per l‘Avellino che coglie una vittoria difficile ed importante sotto ogni punto di vista, dalla classifica al morale. La gara non è sempre stata eccezionale nell’interpretazione dei ragazzi di Novellino, ma la fortuna aiuta gli audaci e sicuramente sia nel partire forte che nel saper reggere all’impatto delle rondinelle i lupi lo sono stati.

 

I commenti sono chiusi.