Corriere della Campania

B-Campania: Avellino travolto a Cesena, pari fortunoso per il Benevento

Anche questo sabato torna l’immancabile appuntamento con la Serie B. In questo sedicesimo turno gare importanti per le squadre campane. L’Avellino va a Cesena, mentre il Benevento vola a Vicenza, la Salernitana giocherà contro la Pro Vercelli nel posticipo di lunedìLa squadra di Toscano ha un’occasione enorme per allontanarsi dalla zona playout contro una diretta concorrente e creare una ministriscia positiva dopo la vittoria sul Pisa. Gli irpini viaggiano infatti appena un punto sopra la zona rossa, mentre il Cesena penultimo è a meno tre.
Occasione ghiotta anche per i giallorossi a Vicenza. Sulla carta la superiorità dovrebbe essere netta, ben tredici i punti di distacco tra il Benevento quarto e il Vicenza terzultimo, ma in Serie B nessuna sfida è scontata. Per Ciciretti – fresco di stage con la nazionale – e compagni c’è l’opportunità di restare in scia o addirittura avvicinare le prime due della classe (Verona e Frosinone) ad appena tre punti di distanza.

Articoli correlati

Cesena – Avellino 4 – 0
L’Avellino disattende le speranze dei suoi tifosi giocando un pessimo primo tempo. La squadra di Toscano è del tutto sterile in fase offensiva, mentre in difesa lascia spazio di manovra ai padroni di casa. La rete arriva al 18′ con Djuric, tra i migliori, ma il Cesena nella prima frazione ha almeno altre due palle gol nitide. La prima con Dalmonte pochi minuti dopo l’inizio della gara e poi con Laribi, che sfiora il raddoppio prima del break.
Nella ripresa gli ospiti sembrano iniziare con un piglio diverso, soprattutto in fase offensiva. Maggior propositività e capacità di accendere il reparto d’attacco. Le principali occasioni sono proprio per gli attaccanti avellinesi Castaldo e  Bidaoui, che non trovano il pari. Il Cesena attende e alla fine colpisce, trovando in contropiede il raddoppio con Dalmonte al 70′. Il raddoppio spezza le gambe agli ospiti, che non trovano più la forza di reagire. Il Cesena così si limita a controllare e al 85′ affonda per la terza volta con Ciano. Nell’extratime l’Avellino rischia anche di prendere l’imbarcata, con la porta irpina che diviene vero e proprio bersaglio mancato dai padroni di casa. Prima una traversa di Djuric, poi una doppia occasione Djuric – Laribi e infine Garritano che trova Radunovic portano il Cesena vicino al poker.
Per gli irpini gara disastrosa e passo indietro enorme. Per 90 minuti non si è visto praticamente nulla di positivo, se non una timida reazione ad inizio ripresa. Nel primo tempo l’Avellino non è mai davvero sceso in campo, nella ripresa dopo aver leggermente tentato di reagire è caduto sotto i colpi avversari cedendo in modo quasi imbarazzante nel finale. Il tutto, a peggiorare la prestazione, contro una diretta concorrente, che si trovava dietro in classifica e non  è sicuramente una delle squadre più forti della competizione

Vicenza – Benevento 0 – 0
Gara spettacolare al Menti, con un Vicenza letteralmente scatenato nei primi quarantacinque minuti. Il Benevento parte meglio creando subito un’occasione con Ceravolo, ma poi sono i padroni di casa a prendere il sopravvento con Giacomelli, Bellomo, Signori e Raicevic che creano almeno 5 palle gol nitide. Tre volte salva Cragno ed infine sul 10 vicentino è il palo a dire di no al 27′. Il Benevento si rivede solo con una fiammata di Ciciretti al 37′.
Nella ripresa il Vicenza non riesce a tenere il ritmo forsennato della prima frazione e il Benevento più attento prova ad approfittarne in contropiede, creando così due buone occasioni con i soliti Ceravolo e Ciciretti. L’occasione clamorosa è però ancora per i padroni di casa, che colpiscono il secondo legno di giornata con Bellomo al 67′. La gara sembra vivere una fase di stanca, ma nel finale arriva almeno un’occasione buona per parte. Buzzegoli chiama Benussi al grande intervento al 80′, un minuto dopo è Raicevic su fronte opposto a calciare alto da ottima posizione in area. Nel finale la gara lentamente si spegne, con le due squadre forse più propense a spartirsi un punto a testa che rischiare di perderla all’ultimo respiro.
Piccolo stop i ragazzi di Baroni, che tutto sommato può tirare un sospiro di sollievo visto l’andazzo della gara. Va detto senza se e senza ma che al Benevento il pareggio va bene per come ha giocato, anzi va strettissimo al Vicenza. I padroni di casa sono stati capaci di arrivare nitidamente in porta ben cinque volte nel primo tempo e un paio nella ripresa, con due legni colpiti nel computo statistico. Insomma ai punti avrebbero vinto i biancorossi, per il Benevento dunque un punto guadagnato.

I commenti sono chiusi.