Corriere della Campania

B-Campania: Pari Benevento e Salernitana, crisi Avellino

Napoli – Torna la cadetteria e tornano le tre squadre campane impegnate nella serie B di questa stagione. Il Benevento riceve in casa il Perugia per un big match straordinario. Le due squadre occupano le zone nobili della classifica e il confronto assume i caratteri del pieno scontro diretto visto che sono separate da appena un punto. Il Benevento arriva da un momento no viste le due sconfitte consecutive e la vittoria è importantissima sia per riprendere la marcia e la fiducia sia per tenere a debita distanza il nutrito gruppo delle inseguitrici. Gli umbri da canto loro vivono un grande momento, cercano la quinta vittoria di fila che li lancerebbe verso i vertici della classifica.
Scontro da brividi per l’Avellino che va ospite a Novara. Le due compagine sono in cattive acque, essendo in piena zona playout separata da un punto. Entrambe cercano una vittoria che le tirerebbe, almeno in parte, fuori da questa situazione difficile. Gli irpini nelle ultime quattro giornate si sono comunque dati una scossa con due vittorie, una sconfitta ed un pareggio e un risultato utile inizierebbe a creare comunque un striscia leggermente positiva. Il Novara è invece in piena crisi, con una vittoria e tre sconfitte nelle ultime quattro gare.
Esame di maturità per la Salernitana che ospita l’Entella. Gli amaranto sono in zona di galleggiamento tra la fuga dai playout e il rincorrere la zona playoff. La sfida con la Virtus può valere moltissimo poiché una vittoria con una delle migliori del campionato potrebbe far fare un salto netto in classifica importante, servirà uscire da quell’altalena di risultati che hanno negato la continuità. Gli ospiti pur essendo in piena zona promozione vivono un momento altalenante e cercano conferme dopo la vittoria con il Benevento.

Benevento – Perugia 0 – 0
Gara subito scoppiettante con un occasione per parte. A Dezi e Nicastro al 4′ risponde Cissè, che un minuto dopo centra la traversa. Al 9′ è di nuovo il Perugia con Zebli, ispirato da Di Carmine, a tentare la conclusione al volo.
La gara entra in stallo con il Perugia che gestisce la manovra in modo lento senza trovare spazi e il Benevento che costruisce qualche mezza occasione in più. Al 33′ è il Benevento a sfiorare il vantaggio con un colpo di testa in anticipo di Ceravolo, para Rosati. Il Benevento macina occasioni. Un minuto dopo quella di Ceravolo è ancora Rosati ad opporsi ad una conclusione potente di Falco. Dopo quattro minuti Falco tenta di servire Cissè liberissimo, ma ancora una volta l’estremo difensore umbro interviene in maniera decisiva, consentendo poi il recupero della sua difesa.
La ripresa si apre ancora con i padroni di casa in avanti, che al 49′ trovano la seconda traversa di giornata con un colpo di testa di Lucioni.C’è sempre e solo il Benevento. Al 56′ cross di Ceravolo dal fondo, colpo di testa di Chibsah che non riesce a inquadrare la porta. Al 67′ è nuovamente Lucioni con una delle sue incornate a sfiorare il vantaggio. Al 70′ arriva finalmente una buona occasione per gli ospiti. Buonaiuto riceve e calcia dal limite dell’area con il destro, Cragno para per i padroni di casa. Nel finale è ancora il Benevento ad andare vicino al gol, che sarebbe meritatissimo. Al 73′ Jakimoski viene fermato dall’insuperabile Rosati e al 94′ Venuti di testa mette di poco fuori.
La gara termina sullo 0 – 0, con il Benevento che avrebbe meritato la vittoria.

Articoli correlati

Novara – Avellino 1 – 0
Al 9′ occasione per il Novara. Tiro sballato di Faragò diventa un assist per Bajde. Lo sloveno calcia alto col mancino dal dischetto. La gara non vive di grandi sussulti, ma è sicuramente la squadra di casa a giocare meglio e al 34′ trova una nuova occasione. Sugli sviluppi di un angolo calciato da Casarini, Scognamiglio colpisce di testa da pochi passi. Frattali alza sulla traversa. La ripresa termina sullo 0 – 0. La ripresa si apre con lo stesso copione del primo tempo e con Boscaglia che lancia nella mischia Di Mariano al posto di Adorjan, il cambio risulterà vincente. Infatti poco meno di un quarto d’ora dopo l’inizio del secondo tempo il Novara trova il meritato vantaggio grazie ad una giocata del neoentrato.
Al 57′ Di Mariano invita Viola alla conclusione da fuori, il sinistro del numero quattro viene deviato da Djimsiti e la sfera s’insacca alle spalle di Frattali. Novara 1 – Avellino 0.
Toscano corre ai ripari gettando nella mischia Cataldo e Verde, ma forse è già troppo tardi. Al 72′ è proprio il neoentrato Verde a creare la prima vera palla gol ospite. L’attaccante irpino entra in area, tiene a distanza Scognamiglio e conclude col mancino. Da Costa blocca centralmente. Quattro minuto dopo l’ispiratissimo Di Mariano crea l’azione del potenziale 2 – 0 Novara. Il giocatore entrato ad inizio ripresa pennella dalla sinistra, Faragò non inquadra lo specchio di testa. Il Novara nel finale si limita a gestire e l’Avellino sfiora la rete solo nell’extra time quando al 93′ D’Angelo sfiora la traversa con un colpo di testa da dentro l’area.

Salernitana – Virtus Entella
I padroni di casa partono malissimo e al terzo minuto sono già sotto. Cross morbido di Palermo, Vitale non riesce ad allontanare. Caputo si avventa sulla sfera e realizza da pochi passi. Settimo gol in campionato per il centravanti. Salernitana 0 – Virtus Entella 0.
Dopo lo schiaffo subito però gli amaranto prendono in mano il pallino del gioco. Le occasioni per la Salernitana si ripetono in sequenza, ma la rete non arriva. Al 12′ c’è una punizione di Vitale, Iacobucci non trattiene. Luiz Felipe calcia a botta sicura. Belli salva sulla linea di porta. Al 20′  percussione di Improta e scarico per Coda, ben appostato sul dischetto. Il centravanti gira debolmente col destro, Iacobucci blocca a terra. Gli ospiti reagiscono dopo tre minuti. Proprio Belli si presenta al limite dell’area e lascia partire un sinistro a giro: la sfera termina alta di un soffio. Ma è solo un tentativo sporadico, il gioco lo fanno i padroni di casa. Al 37 ‘Conclusione violenta di Coda dal limite: destro a lato di pochissimo. Al 40 ‘cross di Rosina dalla sinistra, Donnarumma calcia alto in acrobazia. Nel finale arriva una nuova occasione Entella, che rende la gara indubbiamente spettacolare. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina di Cutolo, Troiano controlla e prova il sinistro a giro. Terracciano si distende e allontana.
La gara termina 1 – 0 per gli ospiti, un risultato bugiardo rispetto a quanto visto in campo. La ripresa si apre ancora con i padroni di casa in avanti alla disperata ricerca del pari.
Finalmente al 58′ la Salernitana vede i suoi sforzi premiati. Cross morbido di Caccavallo dal vertice destro dell’area. Coda sorprende i centrali e batte Iacobucci con un tocco ravvicinato di destro. Terzo gol in campionato per lui. Salernitana 1 – Virtus Entella 1.
I ritmi, seppur alti per tutta la gara, si abbassano leggermente. La Salernitana è sempre però padrona del gioco con Rosina a tentare di ispirare la manovra. Nel finale arriva anche un legno ad aumentare i rimpianti dei padroni di casa. Al 93′ Zito controlla in area, si gira e calcia col mancino. il montante salva Iacobucci. La gara termina con quest’ultima grande emozione.

Giornata no per le squadre campane impegnate in Serie B. La Salernitana e il Benevento conquistano un punto che non serve a muovere di molto e a spiccare il volo, Gli amaranto guardano ancora con diffidenza la zona bassa della classifica, distante appena cinque punti e mirano dalla stessa distanza la zona playoff, con enormi rimpianti per una gara che sarebbe potuta essere meritatamente positiva e avrebbe portato la Salernitana vicinissima alla zona promozione.
La vera crisi è quella dell’Avellino nuovamente penultimo e che si vede superato nella pochezza dei risultati solo dal Trapani. Per Toscano e suoi ragazzi un’altra occasione fallita con merito, una stagione sin qui disastrosa e il rischio dell’esonero sempre più concreto. Si vedrà nelle prossime settimane, d’ora in poi per gli irpini ogni gara sarà decisiva per la permanenza in B e non solo.

I commenti sono chiusi.