Corriere della Campania

Si stupendo: ed è “manita”…bis!

C’eravamo lasciati all’ultima di campionato con una prestazione sottotono e una sconfitta che aveva spento completamente le speranze Champions degli azzurri.

A distanza di mesi, con una squadra rivariegata e un allenatore nuovo di idee e di tattica, il Napoli riprende il percorso di campionato contro la Lazio. Ma questa volta con la serenità rinvigoritoa dalla fresca vittoria europea contro i belgi, che ha spazzato via dubbi e ucciso gli ultimi mostri nell’armadio.

PARTITA: Pochi minuti ed è occasione per Higuain, che ne approfitta di una verticalizzazione di Insigne per provare a sorprendere Marchetti. Ma è fuori di pochissimo. La Lazio non scherza, però. E oltre a difendersi attacca bene. Anche Allan regala un brivido al San Paolo, con un tiro forte e teso che sfiora il palo esterno. Il gioco è sciolto e veloce e l’attacco fremita.

E finalmente il Pipita regala un goal meraviglioso al suo pubblico. Da solo, con un “tango” di piedi, stordisce il difensore, veloce si gira e di destro fa l’1 a 0.

La Lazio comincia ad avere paura. Fa falli e tenta di affannare il Napoli con marcature al limite del cartellino. Nonostante la pressione degli aquilotti il Napoli continua a fare il proprio gioco, costruendo tante azioni da goal. E la Lazio, troppe volte schiacciata in difesa, può solo tentate muraglie umane per ostacolare le manovre d’ attacco azzurre.

Ma è Allan a trovare la giusta crepa e porta gli azzurri in vantaggio grazie ad un passaggio filtrante di Insigne che il brasiliano, con un pallonetto, sbatte in rete. 2 a 0.

Giusto il tempo di rifiatare e di una bevanda fresca per recuperar le energie, che Insigne firma il 3 a 0: Higuain salta un paio di uomini ma trova la respinta di Marchetti al suo tiro. Cosi, lo scugnizzo da posizione leggermente defilata, attento all’azione, con un leggero tocco di esterno, spinge in rete il pallone. E il Napoli si allunga di un’altra distanza.

Articoli correlati

Ormai il Napoli è in poppa. E la Lazio naufraga, nella stessa velocità in cui il Napoli cresce e splende.

Stimolato “appena appena” da un solo assaggio, la sua fame di goal brontola. Così Higuain fa la scorpacciata e sigla la doppietta e il quarto goal per il Napoli: con eleganza beffa il difensore in scivolata e in velocità, con gli occhi fissi sul pallone mentre il terzo occhio fisso verso la rete avversaria, piazza ed è…Poker.

Gabbiadini, subentrato ad Higuain, si rivela subito un degno sostituto: su passaggio di Allan spiazza il portiere e va in rete. 5 a 0.

5+5= Napoli: E anche stasera… sono cinque e anche stasera è manita…. In pieno volto a miscredenti e ai disfattisti.

Il Napoli ha dimostrato nell’arco di tre giorni, che quello che è “uscito fuori“ contro i belgi, c’è. Non è stato un caso.

Nonostante Sarri abbia riconfermato quasi in toto la stessa formazioni che ha già disputato 90 minuti appena qualche giorno fa’, stasera la stessa squadra ha giocato alla perfezione e non ha mostrato cenno di fiacchezza muscolare. Stravincendo.

Anche in vantaggio di uno… due… tre o quattro goal, gli azzurri non hanno mollato mai. Non hanno abbassato la guardia, anzi hanno continuato a giocare con sano agonismo, festeggiando con una spettacolare e blasonata cinquina.

Che dire….. Avanti il prossimo!

I commenti sono chiusi.