Corriere della Campania

Dimaro in festa per la presentazione della squadra: applausi, cori e canzoni

Il grande giorno è arrivato. Con la squadra quasi al completo e un palco riservato agli azzurri, a Nicola Lombardo è stato riservato l’onore di presentare la nuova squadra azzurra.

Il primo ad essere chiamato sul palco è Maurizio Sarri, seguito poi dal suo staff tecnico. Il nuovo allenatore si mostra visibilmente emozionato ma felice di essere a Napoli. Anche perché i colori di questa terra li sente un po’ suoi, essendo nato in questa città e avendo sostenuto da piccolo questa maglia.

Subito dopo si parte dai reparti arretrati.

Vengono chiamati i portieri: Reina, Rafael e Gabriel, neo acquisto. Viene erto a portavoce il portierone Pepe, che non può che sentirsi felice di essere tornato a Napoli e di indossare di nuovo questa maglia. Parole accolte dai tifosi con urla e applausi.

Subito dopo è il turno dei Difensori:

Albiol, Britos, Allegra, Ghoulam, Henrique, Koulibaly, Luperto, Maggio, Strinic. Chi ha militato più tempo in azzurro è Maggio che si trova alle pendici del Vesuvio da ben 8 anni e ci resterà per altri tre. La parola spetta a lui, il quale non nega la voglia di “raggiungere grandi obiettivi”.

Per il Centrocampo vengono chiamati:

Articoli correlati

Allan, De Guzman, Dezi, El Kaddouri, Inler, Jorginho, Lopez, Romano e Valdifiori.

La parola va a quest’ultimo che è stato da subito capace di ambientarsi e legare con i nuovi compagni, senza nascondere “la voglia di esibirsi con la maglia del Napoli al San Paolo”.

Infine gli Attaccanti:

Bifulco, Callejon, Gabbiadini, Insigne, Mertens e Higuain.

Doveroso far parlare il Pipita, fresco di Dimaro ma “con la voglia di fare una grande stagione” e soprattutto “di vincere”.

Dulcis in fundo Marek Hamsik, che ieri ha compiuto 28 anni. Anche lui risponde PRESENTE da otto anni a Napoli, diventata “ormai una seconda casa”.

La sua unica promessa ai tifosi è questa: “ tanta grinta e tanto sudore”.

La festa termine tra brindisi sulle note dell’immortale “O SURDATO NNAMURATO”

I commenti sono chiusi.